SCARPE ANTINFORTUNISTICA

 

Le scarpe antinfortunistica sono dispositivi di protezione individuale (DPI) per la protezione del piede nei luoghi di lavoro. Neutralizzano le più frequenti cause di  pericolo come superfici scivolose, oggetti pesanti che cadono o rotolano, bordi taglienti, macchinari rotanti, oggetti caldi, cavi sotto tensione, schegge, elettricità, sostanze chimiche e persino il brutto tempo. La normativa vigente impone ai datori di lavoro di garantire che i dipendenti utilizzino calzature protettive mentre lavorano in aree in cui  sono presenti  pericoli di lesioni ai piedi.


Le scarpe antinfortunistica sono disponibili in molti stili e modelli. Tuttavia, per i lavoratori si richiedono scarpe da lavoro affidabili e durevoli. I modelli tradizionali sono in acciaio, ma possono anche essere realizzate in materiali compositi come materiali termoplastici e alluminio. Quando si scelgono scarpe antinfortunistica bisogna tenere conto delle seguenti considerazioni:

Ambiente di lavoro e rischi associati     

Materiale utilizzato

Resistenza ad  acqua, calore e al freddo     

Resistenza elettrica     

Resistenza alla foratura e al taglio

 

Di seguito sono riportati gli esempi di ambienti di lavoro in cui le scarpe antinfortunistica sono obbligatorie:     

Manipolazione di oggetti pesanti o strumenti che potrebbero cadere      

Manipolazione di tubi, tronchi d'albero, pietre, rotoli, ruote o oggetti di forma rotonda che potrebbero rotolare sui piedi     

Manipolazione di materiale pericoloso

Opere che coinvolgono strumenti affilati come coltello, asce, chiodi, metalli di scarto, vetri ecc.     

Lavorare con cavi elettrici in presenza ed in assenza di tensione     

Lavorare su un pavimento che potrebbe produrre elettricità statica